COME METTERE IL CAPPELLO IN VALIGIA?

Come mettere il cappello in valigia di Lisa Campolunghi

Come mettere il cappello in valigia? Questa è una domanda che mi ponete spesso, per questo ho deciso di condividere con voi questo messaggio, penso possa esservi d’aiuto!

“Ciao, mi chiamo Elena e vorrei chiederti un consiglio, se posso. La prossima settimana partirò per i tropici e vorrei portare con me il mio cappello di paglia acquistato da poco, come posso fare? So che la domanda può sembrare stupida, ma il volo durerà diverse ore e vorrei evitare di dover partire da Roma con in testa un cappello di paglia veramente ingombrante. Ho provato a metterlo in valigia ma ho paura che si possa danneggiare, non vorrei arrivare al mare e ritrovarmi con un cappello deforme. Grazie in anticipo!”

Ok, immagino che il problema di Elena sia abbastanza diffuso. Spesso mi capita di trovare ragazze in aeroporto con i cappelli in mano o legati – in qualche modo – a borse e zaini. Le vedo poi salire sul loro volo e sbuffare perché non sanno dove collocarlo durante il viaggio (la cappelliera? Non sia mai che l’ultimo a salire ci butti sopra il suo bagaglio a mano).

Il mio segreto?

Il cappello di paglia lo metto in valigia per primo. Si, si…avete capito bene! Preparo la valigia sul letto, posiziono al centro il mio maxi cappello con l’apertura rivolta verso l’alto e poi metto tutto il resto in valigia. In questo modo magliette, pantaloni e vestiti gli faranno da cornice, la tesa rimarrà perfettamente allineata ed il cappello non si stropiccerà. Al suo interno colloco i costumi da bagno per far si che non perda la forma. Vi consiglio di finire poi posizionando qualcosa di più leggero sopra a tutto per evitare che i bordi della tesa si possano piegare. 

Con questo metodo semplice e veloce potrete mettere il vostro cappello in valigia senza rovinarlo e senza dover rinunciare ad altro per fargli spazio.

Ora non vi resta che sfoggiare il vostro cappello su una splendida spiaggia dall’altro capo del mondo o il vostro Fedora in lana in montagna.

Se vi fa piacere condividete questo post e non dimenticate di dirmi cosa nel pensate,
un commento sarebbe davvero apprezzato.

 

Vi aspetto su Instragram per gli aggiornamenti quotidiani!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *